La “natura” della Milano Design Week 2017

COEX team 3 minuti

Mai un Fuorisalone è stato più fiorito e così green! Segno evidente della ricerca degli elementi di natura come unici in grado di restituire la più straordinaria Bellezza, il vero Benessere per “live, work e … naturalmente design!”. COEX ne sa qualcosa!
 
Nell’anno in cui il team Pantone, massima autorità in materia cromatica, ha dichiarato il greenery il colore dell’anno, mai un Fuorisalone è stato più fiorito! 
2mila fiori - rose, gigli orientali, gerbere, garofani, piante aromatiche – per "Flowerprint", l’installazione più suggestiva di façade gardening del paesaggista Cornelius Gavril sulla facciata di un palazzo di via Palermo; le “piante all’aria” per “Tillandsia Wall”, struttura modulare di Floricoltura Michieli, con piante tropicali epifite, che non vivono interrate, usate per rivestire le pareti di una casa in via Turati 7; il tunnel pergolato di radici, agrumi e spighe a testa in giù di “Garden Belvedere” ideato dal floral designer Thierry Boutemy nel giardino di palazzo Borromeo d’Adda; o le ambientazioni “green” di molti spazi come l’“Archiproducts Milano”, in Zona Tortona al 31, un workplace per architetti per sentirsi a casa e progettare il nuovo design in modalità networking, sono il segno evidente della ricerca degli elementi di natura come unici in grado di restituire la più straordinaria Bellezza, il vero Benessere per “live, work e … naturalmente design!”. 

Sì perché l’innovazione non è contraria alla natura o la tecnologia all’artigianato. All’origine stessa dell’innovazione COEX - unica fibra ignifuga 100% naturale - ci sono anzi solo e necessariamente fibre o materiali di origine vegetale come lino, cotone, viscosa e canapa!
Interessante da questo punto di vista “Sharing Design Natural &Social”, la rassegna curata da Milano Makers alla Fabbrica del Vapore dedicata ai designer indipendenti che si confrontano non solo con le tecniche artigianali della tradizione, attualizzate, ma anche con le nuove tecnologie e il digitale. Molti i progetti, le installazioni, gli arredi all'insegna della sostenibilità ambientale: dagli “orti urbani”, per favorire la presenza delle farfalle a tutela della biodiversità, alla riscoperta dei materiali naturali come la “terra cruda” per intonaci e oggetti d’uso quotidiano o la canapa per le sue proprietà igroscopiche e di isolamento termoacustico nella cosiddetta “casa di legno e canapa”. 

 

 

E in effetti oggi la casa ha sempre più sete di natura! E se sovrano dell’abitare naturale è il legno, anche il tessuto naturale gioca la sua parte in tema di benessere, sicurezza, sostenibilità! COEX ne sa qualcosa! L’allestimento curato da Christian Fischbacher per Casa Lago, in centro a Milano, non a caso ha scelto per i tendaggi la “gentilezza” della collezione di tessuti in fibra naturale ECO FR, luminosi, traspiranti e in COEX, e quindi anche ignifughi e più sicuri. 

Analogamente spostandoci in fiera, al Salone del Mobile, Zanotta ha vestito il suo stand progettato dallo studio Calvi Brambilla con cortine in tessuto naturale, dalle tinte neutre, anch’esse made of COEX, creando atmosfere minimal di grande stile. I tessuti del resto vestono gli ambienti ma anche i tanti elementi di arredo che li abitano e li rendono abitabili “tessendone” lo stile e la vivibilità. Girovagando per il Salone abbiamo riconosciuto tessuti made of COEX utilizzati da brand dell’arredo: per esempio per la poltroncina Assembly by Moroso nello stand Diesel Living; o per il raffinatissimo rivestimento turchese della cabina armadio e per quello più sgargiante della libreria armadio disegnata da Piero Lissoni nello stand Porro.

E dal living siamo così entrati nella camera da letto, perché naturale fa sempre più rima non solo con arredare ma con riposare! Dormire al naturale è la filosofia di CocoMat, azienda che progetta sistemi letto naturali ed ecosostenibili, senza molle e metallo come “4 layer” (sommier + materasso + sovramaterasso + topper) e guanciali traspiranti e anallergici realizzati con materiali naturali e dove quindi la selezione dei tessuti migliori in termini di qualità, naturalità e sicurezza è fondamentale!

L’ospitalità del futuro l'ha 'immaginata', invece, lo Studio Micheli con la mostra virtuale “(3S)xTHD”, nel distretto del design di Ventura Lambrate proiettandoci con visori e realtà aumentata nelle tre elegantissime suites che realizzerà per il TownHouse Duomo, una interamente made of COEX. Perché se il tempo per il riposo oggi è un lusso, il vero lusso per il riposo è dato dalla naturalità e sicurezza dello spazio che ci accoglie e ci consente un sereno abbandono. 
Per fortuna si tratta di un futuro prossimo: le tre suites diventeranno realtà entro l’anno, ma già abbiamo potuto testare in mostra tutto il comfort e il benessere della naturalità della poltroncina e del pouf made of COEX! Ma chi si ferma troppo è perduto, quindi avanti tutta e continuate a seguirci!

 

COUNTRY
COEX logo Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Privacy Policy e Cookie Policy aggiornate in qualsiasi momento.